Cosa Vedere a Monteparano, Castello D’Ayala, Centro Cittadino e Chiesa Maria Santissima Annunziata

Cosa Vedere a Monteparano, Castello D’Ayala, Centro Cittadino e Chiesa Maria Santissima Annunziata


Dov’è

Monteparano è un comune parte della provincia di Taranto, in Puglia, composto da 2.386 abitanti, parte del versante orientale del Salento meta annuale di un grande afflusso di turismo.

Monteparano si trova nello specifico nella parte sud-orientale della provincia di Taranto, sopra una leggera altura a sua volta parte di Sant’Elia, denominato anche Monte Doro, a 10 chilometri dal litorale salentino e a 13 chilometri dalla città di Taranto. Monteparano, parte delle colline delle Murge Tarantine, presenta diverse attrazioni collegate agli insediamenti del passato.

L’economia di Monteparano si basa in prevalenza sul turismo estivo, in riferimento alle diverse attività balneari, seppur il sistema interno si concentri anche sul settore agricolo grazie alla coltivazione dell’uva da vino nelle modalità primitive.

I collegamenti stradali per raggiungere il comune di Monteparano sono l’Autostrada A14 Bologna-Taranto (barriera di Massafra) da e per l’Italia settentrionale; la S.S. 7 ter e la S.S. 7 Appia da e per Brindisi.

Monteparano presenta un Castello e architetture religiose, quali il Castello D’Ayala Valva e la Chiesa parrocchiale di Maria Santissima Annunziata. I residenti di Monteparano vantano la consueta calorosità e accoglienza delle città pugliesi, particolarmente rinomata in tutta Italia e particolarmente apprezzata dai turisti.

 

Cosa Vedere

Castello D’Ayala

Il comune di Monteparano vanta soprattutto due luoghi storici del territorio da visitare, comprendendo un’economia basata soprattutto sulla coltivazione dell’uva da vino e il settore agricolo. Al suo interno si potranno visitare il Castello d’Ayala e la Chiesa parrocchiale di Maria Santissima Annunziata.

Il Castello d’Ayala risale ad una costruzione del nel XVIII secolo tipicamente Medievale, ristrutturato nel corso del secolo successivo. Il Castello d’Ayala si trova ubicato all’interno della piazza principale del paese, la quale ha assunto nello specifico la denominazione di Piazza Castello.


Dalla Piazza Castello l’edificio si erge come una Torre imponente, risultando una delle tappe obbligatorie in visita al comune di Monteparano. La costruzione si ricollega alla residenza fortificata della famiglia D´Ayala, basandosi su di uno stile tardo-gotico in materiali come il carparo, una pietra calcarenitica, derivante nello specifico dalla cementazione di sedimenti di roccia calcarea, presente in diversi luoghi della Puglia.

Il Castello D’Ayala, pur rappresentando un antico pezzo di storia per il comune di Monteparano, può essere visitato soltanto dall’esterno. A breve distanza dalla Piazza Castello, proseguendo a piedi in Largo Garibaldi, si potrà inoltre fotografare il Monumento ai Caduti in ricordo dei soldati della Prima Guerra Mondiale, opera dello scultore tarantino Aldo Pupino.

Il paesaggio di Monteparano conserva ancora intatti diversi muretti a secco tipici delle costruzioni passate, ricchi di fascino e storia.

 

Chiesa Parrocchiale di Maria Santissima Annunziata

La Chiesa parrocchiale di Maria Santissima Annunziata rappresenta una delle costruzioni religiose più rinomate di Monteparano. Al suo interno si trova un particolare altare in stile barocco, appartenente al passato ai riti greci e riadattata in seguito a quelli latini.

L’esterno e l’interno della Chiesa parrocchiale di Maria Santissima Annunziata evidenziano gli stili architettonici del passato, compresi affreschi e statue di estremo fascino.

 

Informazioni Utili

Monteparano ha 2386 abitanti ed il suo nome, nel dialetto salentino, diventa Muntiparanu.

Il paese confina con Fragagnano, San Giorgio Ionico, Roccaforzata, Carosino e con la città di Taranto.

Il codice postale è 74020 mentre il prefisso telefonico è 099.

Gli abitanti di Monteparano si chiamano Monteparanesi.

I santi patroni sono San Gaetano di Thiene, Cosma e Damiano e San Giuseppe. Le festività del paese sono il 7 agosto, il 26 settembre ed il 19 marzo.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi