Grottaglie Cosa Fare e Cosa Vedere nella Città delle Ceramiche

Grottaglie Cosa Fare e Cosa Vedere nella Città delle Ceramiche


Nella Regione Puglia sono tantissime le città e i Comuni da visitare e tra questi, sicuramente, anche Grottaglie (che per chi non lo sapesse si trova in provincia di Taranto) merita di essere vista. Ma quali sono i luoghi di maggiore interesse? E cosa è esposto al Museo della Ceramica?

 

I luoghi di maggiore interesse nella città di Grottaglie

Oggigiorno la graziosissima città di Grottaglie è riuscita a diventare una meta turistica davvero blasonata, sostanzialmente possiamo dire che è uno dei luoghi più interessanti del Salento Settentrionale e, questo merito è dovuto soprattutto al:

  • Centro Storico, il quale nel corso dei secoli, grazie agli edifici antichi presenti, è riuscito ad ampliare sempre di più il proprio valore architettonico
  • Quartiere dei ceramisti, dove gli artigiani lavorano  all’interno di ambienti ipogei che sono scavati direttamente nella roccia
  • Convento di San Francesco da Paola e la Chiesa della Madonna delle Grazie, due magnifici edifici ecclesiastici risalente al ‘500 realizzati in Stile Barocco dove è possibile ammirare le perle decorative di eccezionale bellezza, un portale di pietra lunettato, un chiostro formato da 20 arcate che poggiano su delle colonne doriche, mentre le 32 lunette sono affrescate con le Scene di Vita di San Francesco da Paola
  • Chiesa di San Francesco De Geronimo, edificata nel 1832 con una pianta a croce greca suddivisa in tre navate, al cui interno sono custoditi tra i molto dipinti anche il Martirio di San Bartolomeo realizzato da Cesare Fracazano e il Miracolo delle Rose realizzato da Ciro Fanigliuolo. Invece, le sacre spoglie di San Francesco De Geronimo si trovano a sinistra dell’Altare Maggiore, riposte all’interno di un’urna bronzea realizzata da Vincenzo Castello di Napoli
  • Chiesa Madre, risalente al ‘500 ad opera dell’architetto Domenico di Martina e dedicata a Maria Santissima Annunziata
  • Chiesa del Carmine, la cui data di costruzione è incerta ma presumibilmente risale anche lei al ‘500, il suo punto di forza è rappresentato dalla tele della Madonna del Carmine e dal Presepe in Pietra Policroma, che è conservato all’interno della Cappella di San Michele Arcangelo
  • Santuario della Madonna di Mutata, dove oltre alla nicchia in cui è posta la scultura della Vergine Mutata è possibile ammirare anche le tele risalenti al ‘700, tra cui spiccano Gesù legato alla colonna e Gesù con la canna tra le braccia, inoltre sono molto suggestivi anche il Crocefisso incastonato in un armadio intagliato, la statua di San Giuseppe realizzata in pietra calcarea e l’organo ligneo.

 

Cosa è esposto all’interno del Museo della Ceramica

Come riporta il sito Onda Tarantina, la città di Grottaglie deve il suo grande prestigio alla ceramica, tanto è vero che è il solo centro Pugliese che può fregiarsi del prestigioso marchio DOC, quindi proprio per questo per chi fosse interessato ad approfondire all’interno del Castello Episcopio è possibile visitare il Museo della Ceramica, che espone:


  • Ceramica tradizionale d’uso
  • Ceramica archeologica
  • Ceramiche maioliche
  • Ceramica contemporanea
  • Presepi

Inoltre, nel mese di Agosto, è anche possibile assistere alla Mostra della Ceramica, mentre a Dicembre viene anche allestita la stupenda Mostra Presepiale dove nel paese natalizio vengono esposte le statue del presepe realizzate, ovviamente, in ceramica.

 

Informazioni Utili

Grottaglie è situato a 133 metri sul livello del mare ed ha tre frazioni che sono Carraro delle Vacche, Paparazio e Monte Fellone. Il comune confina con Villa Castelli, Taranto, San Marzano di San Giuseppe, Montemesola, Monteiasi, Martina Franca, Francavilla Fontana, Fragagnano, Crispiano e Carosino.

Il Santo Patrono di Grottaglie è San Ciro e si festeggia il 31 gennaio.