Cosa Visitare in Salento, le località più belle della Costa Ionica e della Costa Adriatica

Cosa Visitare in Salento, le località più belle della Costa Ionica e della Costa Adriatica


Vediamo insieme cosa visitare in Salento, quali sono i posti più belli da ammirare e quali sono i luoghi più belli da vedere della tanto amata Puglia.

Partiamo dal presupposto che il Tacco d’Italia è pieno di posti meravigliosi e che per gustarli al meglio sarebbe ideale visitare il Salento nel periodo estivo o primaverile. Facciamo poi la premessa che visitare tutto il Salento in due o tre giorni è quasi impossibile, non perchè è troppo vasto (anche se i km ci darebbero ragione) ma perchè sono davvero tantissime le località che meritano di essere visitate, almeno una volta, se si è in vacanza da queste parti.
Insomma, il Salento va visitato con calma e con cura, nulla va lasciato al caso, soprattutto se siete persone che si innamorano molto facilmente delle località di mare, di cui appunto il Tacco d’Italia è piena!

Cosa consigliamo di vedere? Ci sono località meravigliose come Torre Lapillo, come Torre Mozza, Specchia e l’immancabile Santa Maria di Leuca che andrebbero visitate il prima possibile, magari assieme ad un costume, un ombrellone ed una bella bibita da gustare in riva al mare.

Non dimentichiamo poi paesini meravigliosi, sempre in riva al mare, come Pescoluse, Marina Serra e la splendida Otranto. Gallipoli? Già troppo conosciuta per citarla, una località dedicata soprattutto ai giovani che, per tanti, è già diventata la nuova Rimini del Sud.

E nell’entroterra? Anche lontano dal mare i luoghi meravigliosi non mancano. Troviamo Otranto, la magnifica città di Lecce e la meravigliosa Nardò. Ma ciò che è bello in queste località è che in ogni posto vi è una caratteristica culinaria da assaggiare e degustare. Non venite in Puglia solo per il mare, non venite in Salento solo per la tintarella, assicuratevi di non essere a dieta! La cucina pugliese merita eccome! E per chi ama i luoghi caratteristici sono sicuramente da visitare le masserie salentine, alcune sono dei veri e propri paradisi terrestri.

Il Salento: due mari che si uniscono, lo Ionio e l’Adriatico; due mondi che si incontrano: l’Occidente e l’Oriente; una natura incontaminata caratterizzata dall’azzurro dell’acqua e dal verde della vegetazione. Tutto questo e non solo fa del Salento una terra da sogno. A volte si cerca il paradiso in posti lontani senza neppure sapere di quello che si ha a pochi km di distanza. I turisti che negli ultimi anni hanno visitato le località salentine potranno sicuramente farsi testimoni dell’arte che hanno trovato; delle ricchezze architettoniche che hanno potuto ammirare; di monumenti e costruzioni che raccontano la storia di una regione.

 

mare Porto Cesareo

Il Mare di Porto Cesareo

 

Costa Ionica

Dal punto di vista marino, probabilmente la costa ionica è leggermente più bella di quella adriatica. Ci sono tantissime località molto rinomate, vediamone alcune che meritano davvero di essere visitate e soprattutto vissute.

Il nostro viaggio alla scoperta del Salento parte dalla costa ionica ricca di località turistiche mete perfette per trascorrere una vacanza indimenticabile. Sole, mare, aria fresca sono le caratteristiche principale della terra salentina. Le ritroverete in ogni località, paesino, città che sceglierete di visitare.

Siete pronti per partire in questa avventura? Ci aspetta un viaggio alla ricerca dei posti più belli da visitare nel Salento. Da dove iniziamo? Dalla costa ionica: partendo da Porto Cesareo a Sant’Isidoro, da Gallipoli a Mancaversa, passando per Torre Suda e Torre San Giovanni e finendo a Santa Maria di Leuca. Riusciremo a farvi innamorare del Salento? Con questi posti la missione non è difficile. Una delle tante possibilità che questa terra offre è quella di poter visitare più luoghi contemporaneamente. Muoversi non è difficile: con la vostra auto o con i mezzi di trasporto locali, i pochi km che separano le diverse località rendono il vostro viaggio on the road molto più semplice.

Porto Cesareo è senza dubbio uno dei posti più amati e visitati della costa salentina. Sabbia bianca e isolotti ne fanno una località balneare d’eccellenza; uno di quei posti incontaminati di cui ne sono rimasti ben pochi.

Fondali molto bassi e arena finissima caratterizzano Sant’Isidoro (marina di Nardò) luogo che ha riscoperto la sua vocazione turistica soprattutto negli ultimi anni. Sono pochi i km che la separano dalla località precedente. Una suggestiva scogliera farà da cornice alla macchia mediterranea; meta ideale per chi cerca una vacanza tranquilla e ama la natura.

Escursioni nelle grotte, mare cristallino, panorami mozzafiato: tutto questo lo troverete a Santa Caterina. Potrete inoltre visitare Uluzzu, Porto Selvaggio, i Dannati e Chiapparo posti presenti in quel territorio. Una meta turistica invitante anche per i giovani o per chi è alla ricerca dei divertimento: discoteche e locali notturni non mancano.


 

Castello Aragonese di Gallipoli

Il Castello Aragonese di Gallipoli

 

Gallipoli è senza dubbio una delle città più conosciute e visitate del Salento. Scenario di diversi festival e eventi mondani grazie alle sue bellezze naturali è quello che state cercando se volete una vacanza indimenticabile. Potrete riempire il vostro album fotografico di scatti mozzafiato grazie a un mare cristallino e alle spiagge dorate che vi accoglieranno. Vi consigliamo di visitare oltre al borgo e al centro storico della città anche le vicine isolette: l’Isola di Sant’Andrea, l’ Isoletta del Campo, lo Scoglio dei Piccioni e lo Scoglio della Nave.

Il mar Ionio bagna anche la bellissima Mancaversa meta privilegiata per chi vuole passare le giornate alla ricerca di cose nuove da scoprire. E’ possibile ammirare la flora e la fauna ricchissime nei fondali. A soli 4 km da Gallipoli ospiterà chi vuole spendere magari un po’ meno ma non per questo perderà in qualità.

La natura selvaggia e incontaminata vi terrà compagnia se sceglierete di visitare Torre Suda. Un confine tra mare e vegetazione che non è ben delineato: l’ideale per chi ama questo genere di posti. Molte sagre e manifestazioni attirano i turisti soprattutto nel mese di agosto.

Tra Torre San Giovanni e Santa Maria di Leuca si affollano le piccole località balneari che fanno di questo tratto di costa una delle perle del nostro stivale. Da Torre Mozza a Torre Pali passando per Pescoluse: ecco quelle che vengono chiamate le spiagge delle Maldive. Un angolo di paradiso per chi non può prendere l’aereo e volare oltre oceano ma che non ha nulla di meno delle costosissime isole: acqua bassa e limpida, distese di sabbia in cui rotolarsi, tramonti da favola per i più romantici.

 

Costa Adriatica

Abbiamo detto che le località della costa ionica del Salento probabilmente sono più carine di quelle presenti nella costa adriatica. Eppure anche da questa parte del Salento esistono località magnifiche che, ancora una volta, possiamo permetterci di parlare di  paradisi terrestri, vedere per credere!

La costa adriatica del Salento è il luogo ideale per voi che dalle vacanze pretendete molto di più che delle splendide giornate di sole e un mare limpido e azzurro. Gli itinerari a vostra disposizione lasciano solo l’imbarazzo della scelta, e i trasporti nel Salento rendono agevole l’arrivo nei vari luoghi in cui deciderete di lasciarvi andare abbandonavi al piacere di essere circondati dalla storia, dall’arte e da splendidi paesaggi.

Partendo dalla parte più alta della costa adriatica, in provincia di Lecce, non si può non essere attratti dal piccolo borgo di pescatori di Casalabate che in estate è in grado di accogliere tantissimi turisti.

Avvolte dal fascino di antiche torri di si affacciano, distese sul mare, Torre Rinalda e Torre Chianca. In questo tratto la costa alterna lunghe spiagge di sabbia che accolgono zone di bassa scogliera.

Proseguendo all’ombra delle pinete incontriamo San Cataldo, a soli 11 Km da Lecce, incantevole la spiaggia e il mare cristallino, così come il vecchio porto che racconta al tempo la sua storia rubando ancora la scena al più recente porticciolo turistico.

Arriviamo a San Foca arricchita dalla presenza di scogli che superano i trenta metri. Scendendo lungo la costa ci accoglie Roca Vecchia, luogo incantevole per la trasparenza del mare e gli scavi che ci riportano nel 1600 a. C.. Mentre Roca Nuova è un borgo rinascimentale che con il suo Castello e la Grotta della Poesia avvolge di magia i suoi visitatori.

La sabbia sottilissima e dal colore argento ci indica che siamo a Torre dell’Orso, ci rapiscono gli splendidi fondali marini, i colori del mare, una folta pineta e un gradevole venticello. Incastonata tra due scogliere la marina è orgogliosa di essere una autentica attrazione.

Abbiamo quasi raggiunto Otranto, ma prima ci fermiamo ad ammirare il lago Alimini Grande, circondato da una fascia rocciosa ricoperta da verdi pinete, e Alimini Piccolo, alimentato da numerose sorgenti.

Solo dieci chilometri e siamo nella “città dei martiri”. E’ Otranto, chiamata anche “Porta d’Oriente” per la sua posizione, mentre le sue origini sono riconducibili al periodo che va dalla fine del XIII secolo al XI secolo a.C.. Il castello, il porto, il borgo antico, la cattedrale, ogni angolo della città è in grado di emozionare.

Tra masserie, grotte e torri veniamo rapiti dal blu scuro del mare interrotto dal bianco delle rocce di Porto Badisco, un angolo di paradiso che concede tra la costa frastagliata una caletta di spiaggia sabbiosa. Nasconde una delle grotte più interessanti, Grotta dei Cervi, che custodisce nel tempo tremila pittogrammi.

Santa Cesarea Terme con le sue scogliere alte e rocciose è tra le cittadine più recenti, la sua importanza è data dalle acque di alcune sorgenti che sgorgano da quattro grotte naturali e che danno vita alle rinomate terme aperte da maggio a novembre.

Ultimo, ma non per mancanza di fascino, è Castro, una vera ricchezza dove la storia si intreccia fino ad oggi tra il castello e il porto, e dove la natura non ha posto limiti alla generosità, dalla Grotta Zinzulusa allo splendore del mare che più volte ha meritato la Bandiera Blu.

Raggiungiamo Castro, una vera ricchezza dove la storia si intreccia fino ad oggi tra il castello e il porto, e dove la natura non ha posto limiti alla generosità, dalla Grotta Zinzulusa allo splendore del mare che più volte ha meritato la Bandiera Blu.

Proseguiamo fino a Tricase Porto, qui ci accoglie una irreale tranquillità, il luogo ideale per un totale relax. Per concludere con Santa Maria di Leuca, l’ultimo paesino a cui di certo non manca il fascino e che tocca la parte più estrema della regione, dove lo sguardo si perde tra la sabbia e il mare. Un incanto che dura nel tempo e che attraversa l’intera costa adriatica del Salento.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi